Ecco tutti i bonus fiscali 2019 per i lavori nella tua casa…

Sono tutte confermate le agevolazioni fiscali per interventi di manutenzione, risanamento e ristrutturazione della casa.

 

Questa è senz’altro una buona notizia sia per i privati, sia per gli addetti ai lavori, dopo che varie ipotesi erano circolate nei mesi scorsi circa la possibilità di una forte diminuzione delle percentuali detraibili e addirittura di una completa eliminazione di parte di tali agevolazioni-

A seguito dell’approvazione, lo scorso 13 Dicembre, della Legge di Bilancio 2019 (D.L. n. 119/2018), tutto quanto già previsto per il 2018 sotto il profilo delle agevolazioni per interventi di ristrutturazione, miglioramento energetico e acquisto mobili, è quindi stato riconfermato senza alcuna novità sostanziale.

In particolare è possibile sfruttare appieno ancora per un anno, sino al 31 Dicembre 2019, tutti i benefici fiscali:

  • Bonus ristrutturazione che prevede la detrazione in 10 anni (5 anni per gli over 65) del 50% delle spese sostenute per ristrutturazione e progettazione dell’intervento con un massimale di 96mila euro per abitazione

  • Ecobonus che prevede la detrazione in 10 anni (5 anni per gli over 65) del 65% delle spese sostenute per particolari interventi di efficientamento energetico con un massimale di 100mila euro per abitazione

  • Bonus mobili ed elettrodomestici che prevede la detrazione in 10 anni (5 anni per gli over 65) del 50% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di arredi e complementi utili ad arredare una casa oggetto di ristrutturazione, con un massimale di 10mila euro per abitazione;

  • Bonus verde che prevede la detrazione in 10 anni (5 anni per gli over 65) del 36% delle spese sostenute per sistemazione del verde, realizzazione di tetti verdi e giardini pensili con un massimale di 5mila euro per abitazione, oltre a 1800 euro massimo per relativa progettazione

  • Sismabonus (già con scadenza 2021) attraverso il quale si possono detrarre dall’IRPEF o dall’IRES le spese relative agli interventi di messa in sicurezza antisismica degli immobili situati in zona sismica, in base ad una percentuale che va dal 50% all’85%.

Per approfondire ogni singola opportunità fiscale invito il lettore a consultare gli articoli disponibili sul blog, raggiungibili cliccando sul relativo titolo! 😉

______________

Segui gli aggiornamenti sulla pagina Facebook  oppure iscriviti al Gruppo Fb Saperecasa per restare sempre aggiornato sulle novità del blog.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.